PROGRAMMA GOLDEN AGE

X
Tre documentari che invitano a godere dei tesori nascosti nella terza età
Sezioni
Cinema
Cinema Lumière Via Azzo Gardino 65/a, 40122, Bologna
7 euro
ridotto 4 euro: GB CARD, SOCIO COOP, AMICI DELLA CINETECA

01/11

18:00

MARIO WIRZ
Regia di Rosa von Praunheim (Germania, 2014, 15’) ANTEPRIMA NAZIONALE

Sei settimane prima della sua morte per cancro, il poeta e regista teatrale Mario Wirz fa una passeggiata con il suo amico Rosa von Praunheim. Wirz cammina a fatica, è debilitato dalla malattia e dalla chemioterapia, è disilluso ma sereno. Durante la passeggiata i due parlano di vita e di morte e poi, seduti al tavolo di un bar sotto un timido sole di primavera, si ritrovano a scrivere poesie. Un documentario toccante sulle ultime riflessioni di un grande poeta, che nonostante l’appressarsi della morte non esita a lanciare un invito a vivere pienamente e fino in fondo i propri giorni.

REBEL MENOPAUSE
Regia di Adele Tulli (Gran Bretagna/Italia, 2014, 26’)

“La vecchiaia non è una patologia. La vecchiaia è un’età bellissima e piena di libertà”. Parola di Thérèse Clerc, 85 anni, che da oltre 40 anni si batte per l’emancipazione delle donne e che a Montreuil ha recentemente fondato la Maison des Babayagas: un progetto di co-housing per donne over 65. Divorziata nel 1969, Thérèse ha vissuto una vera e propria liberazione sessuale in concomitanza con l’arrivo della menopausa: “I ginecologi parlano della menopausa come di una fine. Io dico: no, è quando la vita di una donna comincia!”

END OF SEASON SALE
Regia di Eli Glazer (Israele, 2014, 35′) ANTEPRIMA NAZIONALE

Haim ed Uri, due anziani, si incontrano davanti alla vetrina di un negozio in una notte piovosa. Entrambi sono gay, ma il primo è interessato soltanto al sesso, mentre il secondo vorrebbe anche parlare, perché “un corpo, senza parole, è soltanto carne”. Sembra la solita storia di una notte, ma quando viene a mancare il supporto del Viagra, ecco che per entrambi si affacciano nuove possibilità. End of season sale è diviso in 3 atti: esterno notte, interno, ancora esterno notte. Un viaggio toccante e intenso nel cuore di due uomini soli, e non più giovani, alla ricerca disperata dei piaceri della carne o di quelli del cuore. “A quanto pare, anche nel mondo queer c’è vita dopo i trenta, e ci sono desideri, bisogni, paure e speranze. All’interno di un corpo che può aver perso il suo fascino, ci sono uno spirito e un’anima che non invecchiano mai” (Eli Glazer).

Miglior corto al TLVFEST – The Tel-Aviv LGBT International Film Festival del 2014, dove ha vinto anche il primo premio per la sceneggiatura nella Dan Lachman short script competition.