Presentazione del libro “Dio odia le donne” (Il Saggiatore, 2016)

X
di Giuliana Sgrena
Sezioni
Conversazioni
librerie.coop Ambasciatori Via Orefici 19, Bologna
ingresso gratuito

03/11

18:00

Cristianesimo, ebraismo, islam: quando si tratta di discriminare la donna, le principali religioni monoteiste sono concordi. La donna origine del peccato, la donna tentatrice, che se dispiegasse la sua potenza divorerebbe l’umanità. E allora creiamo la religione – specchio delle paure del maschio, parto del patriarcato –, per opprimere e sconfiggere; e creiamo un dio maschio, un figlio di dio maschio, un profeta maschio, sacerdoti maschi a cui confessare peccati che macchiano meno la morale che l’onore maschile.
Norme, tradizioni e costumi sono il frutto proibito che perpetua il controllo sociale sulla donna, spesso grazie alla sua pia connivenza, più spesso con una violenta assuefazione. Giuliana Sgrena denuncia le mutilazioni che il rasoio della misoginia religiosa opera quotidianamente. Ci sono fenomenologie estreme come la circoncisione «faraonica», che asporta i genitali esterni e cuce la vulva alla bambina e di nuovo alla ragazza dopo la prima notte di nozze; o come lo stupro di guerra, che se ripetuto dieci volte fa sì che la donna sia convertita; o come il femminicidio, versione contemporanea ma non meno cruenta del delitto d’onore. Ma esistono anche forme più sottili e subdole, come l’ideale di purezza e verginità, che condiziona ogni donna nelle scelte di vita, nel ruolo sociale, nell’abbigliamento. Attraverso una ricognizione delle fonti bibliche e coraniche, Sgrena graffia le consuetudini e risale alla radice stessa della sottomissione femminile. Dio odia le donne è un libro che ferisce dentro. Dopo averlo letto non si potrà più gettare l’usuale sguardo di tolleranza e accondiscendenza verso l’oscurantismo religioso che tuttora alligna nella società.

Giuliana Sgrena è giornalista e scrittrice. Storica inviata del “manifesto”, ha realizzato numerosi reportage dai teatri di guerra del Medio Oriente e dell’Africa, tra cui Iraq, Afghanistan, Algeria e Somalia. Per il Saggiatore ha pubblicato Rivoluzioni violate (2014).

Conduce la presentazione e dialoga con l’autrice Vincenzo Branà, giornalista e presidente de Il Cassero LGBT Center di Bologna.