Pleasure Body

X
Workshop di Giorgia Ohanesian Nardin
Sezioni
Laboratori
Teatro del Pratello via del Pratello 53, Bologna
45 euro (+8 euro tessera AICS)
ridotto 35 euro (GB CARD/BLAUBART) +8 euro tessera AICS
Date
01/11/2018 h: 14:00 - 19:00
02/11/2018 h: 10:00 - 13:00

Un workshop per celebrare corpi queer, femme, trans, non binari, etnicamente ambigui, resilienti e militanti. Attraverso una serie di pratiche atte a generare esperienza di piacere come allenamento all’autodeterminazione, Pleasure Body è un invito a connotare questa sensazione usando il linguaggio della resistenza, per proporre un riscatto autodeterminante dei corpi dal trauma bianco, patriarcale, cis-etero.

Durante il workshop, Giorgia unisce esercizi di ascolto del piacere e poesia somatica ad antiche pratiche delle culture SWANA (south west asian and north african) di cui è discendente.

“Leggiamo testi, scriviamo manifesti, invochiamo le nostre antenate, celebriamo l’adipe, danziamo” (Giorgia Nardin).

Il workshop non richiede nessuna formazione o esperienza nelle pratiche della danza e delle arti performative. Inoltre:

– non c’è un limite di età per partecipare;
– non sono ammesse foto e video;
– qualsiasi atteggiamento sessista, razzista, ableista, omofobo, transfobico, qualsiasi mancanza di consenso e forma di body shaming non verranno tollerate;
– il workshop è in italiano e in inglese;
– la capienza è limitata, è obbligatoria la prenotazione.

Per prenotarsi e partecipare inviare una mail con oggetto Workshop Bologna Pleasure Body a info@giorgianardin.com. Nel corpo della mail vi chiediamo di scrivere una breve presentazione in cui specificare le motivazioni per le quali si desidera frequentare il workshop.

Le candidature dovranno essere inviate entro il 30 Ottobre 2018. 

https://www.facebook.com/events/244715369728902/

Giorgia Ohanesian Nardin, coreografa e performer, ha esordito come autrice nel 2010 con Spic&Span. Il suo primo solo è Dolly, seguito da All dressed up with nowhere to go, selezionato dal Network Aerowaves 2015. È stata la prima artista italiana a diventare coreografa residente presso il K3 – Zentrum fur Choreographie Hamburg (Kampnagel) per cui ha creato Season (2016).