OMAGGIO A LOU REED

X
Sezioni
Cinema
Cinema Lumière Via Azzo Gardino 65/a, 40122, Bologna
7 euro
ridotto 4 euro: GB CARD, SOCIO COOP, AMICI DELLA CINETECA

26/10

18:00

La scomparsa di Lou Reed il 27 ottobre 2013 ha suscitato un’ondata di partecipazione e cordoglio unanimi verso una figura di musicista, narratore e poeta la cui produzione ha radicalmente ridefinito i limiti formali e contenutistici del rock, ed esercitato un’influenza incalcolabile su generazioni di musicisti successivi.

Il suono dei Velvet Underground ha infatti profondamente segnato personalità a loro volta estremamente influenti come Can, Patti Smith, Throbbing Gristle, Suicide, Joy Division, Sonic Youth, fino a Nirvana, Beck e lo stesso Bowie; ma non meno innovativa è stata la dimensione lirica, con testi che per la prima volta, senza infigimenti poetici ma con un linguaggio schietto ma non privo di empatia, parlavano di droga, omosessualità, travestitismo, sadomasochismo e prostituzione. Riuscendo perfino a portare questi temi in classifica (grazie all’ignoranza dei dirigenti radiofonici per lo slang newyorchese!) nell’epocale caso di Walk on the Wild Side e dell’intero Transformer, concept album dedicato ad Andy Warhol e al suo milieu all’interno del quale Reed cita anche uno slogan del nascente movimento di liberazione gay: “We’re coming out, out of our closets, out in the strees”, canta in Make Up.

Gender Bender gli rende omaggio con una carrellata di rari materiali d’archivio, interviste e testimonianze dello stesso Reed e di amici e collaboratori che ne hanno accompagnato la carriera come David Bowie, Patti Smith, Andy Warhol, Maureen Tucker, Joe Dallesandro, Holly Woodlawn, Nan Goldin, Gerard Malanga, Thurston Moore e altri ancora.

Walter Rovere

 

Introducono la proiezione Walter Rovere, curatore della sezione, e Alberto Ronchi, Assessore alla Cultura del Comune di Bologna.