Bugie bianche. Capitolo primo: Black Dick

X
di Alessandro Berti (60’)
Sezioni
Teatro
Teatro Laura Betti Piazza del popolo, 1, 40033 Casalecchio di Reno
10 euro
ridotto 7 euro (GB CARD/SOCIO COOP/ARCIGAY-LESBICHE BOLOGNA); 5 euro (STUDENTI UNIBO)
Date
29/10/2018 h: 19:30
30/10/2018 h: 21:00

ideato e interpretato da: Alessandro Berti
ricerca storica: Gianluca Gabrielli, Juliet Rogers
Consulenza iconografica: Daniela Neri
Realizzato con Gender Bender Festival, Teatro Comunale Laura Betti, Ater, Barfly – Teatro fuori luogo, Opera Prima Festival, Mezza Stagione Errante, Ogni casa è un teatro

Cos’hanno in comune il film italiano del dopoguerra Il mulatto e la battaglia degliattori porno neri di oggi per la fine degli stereotipi sul set? E le proteste sui campi difootball durante l’inno nazionale americano di questi anni, cosa devono alla Silent March di inizio Novecento? Cosa ci dice il diritto coloniale europeo riguardo alla paranoia del Black Peril, il pericolo nero, quel mix di terrore e desiderio per il corpo del maschio nero da parte dei bianchi? E oggi, qui da noi, siamo davvero all’inizio di qualcosa o ripetiamo un copione già scritto? Perché in Italia ogni aggressione sessuale da parte di un uomo nero verso una donna bianca suscita odio, scalpore nazionale mentre l’abuso di giovani donne nere da parte di bianchi avviene continuamente in silenzio, anzi è alla base di un certo tipo di immigrazione? E ancora: come si sono comportati gli italiani in America con gli afroamericani? Che posizione abbiamo preso lungo la linea del colore? Che tipo di modello di maschio nero è Muhammad Alì? O Malcolm X? O James Baldwin?

Poetico, sarcastico, politicamente scorretto, lo spettacolo di Alessandro Berti è un pastiche di suggestioni interrazziali legate al corpo del maschio nero visto con gli occhi del maschio bianco, a partire da fonti storiche, letterarie e iconografiche. Bugie bianche è il catalogo di un passato e un presente pieni di ipocrisie, omissioni, aggressioni, segregazioni e comodi riposizionamenti. Un’indagine quanto mai attuale e necessaria, che svela il groviglio paura-desiderio per l’altro da sé ed evoca i fantasmi della civilizzazione occidentale.

Biglietteria: Teatro Laura Betti
Prevendita biglietti on line: www.vivaticket.it